Società del Tarabuso


Vai ai contenuti

Altre Attività



Liberazioni Pubbliche


Dalla sua costituzione nel 1996 a oggi la nostra associazione ha proposto inoltre diversi momenti di incontro e cultura per tutti coloro i quali sono interessati alle tematiche naturalistiche.
Ricordiamo le liberazioni pubbliche di rapaci organizzate negli anni passati, avvenute grazie alla preziosa opera di volontariato prestata dal socio Luciano Ughetto presso il Centro Recupero Uccelli Rapaci di Sala Baganza in provincia di Parma, gestito dalla Lega Italiana Protezione Uccelli.
Tali liberazioni, avvenute in collaborazione con gli uffici preposti della Provincia di Torino
e con il Nucleo Guardie Ecologiche Volontarie dell’Eporediese, hanno riguardato diversi rapaci rinvenuti feriti per varie cause (ferite da armi da caccia, urti contro fili elettrici, malattie varie..) e curati e riabilitati alla vita selvatica presso il Centro di Sala Baganza, uccelli che hanno potuto così ritornare al loro ambiente naturale.
Organizziamo anche delle liberazioni pubbliche di rapaci, normalmente animali trovati feriti per cause diverse e curati dai centri preposti.
Se il "paziente" non ha gravi ferite o malattie difficili da curare, in poco tempo può ritornare nel suo ambiente naturale dove viene liberato alla presenza di scolaresche, appassionati, amici della natura.
La nostra Società ha organizzato già diverse liberazioni, anche grazie alla collaborazione di alcuni nostri soci impegnati costantemente con i veterinari e i responsabili dei Centri di Recupero.
Ad ogni liberazione sono presenti le Guardie Ecologiche Volontarie che prestano il loro prezioso servizio nella nostra Provincia.

Serate Ornitologiche

Nell’aprile del 1998 grande successo di pubblico ha incontrato una serata ornitologica organizzata ad Ivrea presso la sala delle conferenze di Santa Marta.
L’argomento dell’incontro ha riguardato il progetto internazionale di reintroduzione sulle Alpi del Gipeto, avvoltoio scomparso dall’arco alpino a inizio XX° secolo.
Relatore della serata è stato l’ornitologo Roberto Toffoli, responsabile del progetto di reintroduzione di tale avvoltoio nel settore alpino del Parco Naturale Alpi Marittime.

In occasione del decennale della fondazione, venerdì 5 maggio 2006 la Società del Tarabuso ha organizzato una conferenza dal titolo “Torna la Cicogna Bianca in Piemonte”.
Relatrice della serata è stata la dottoressa Gabriella Vaschetti, responsabile del Centro Cicogne e Anatidi di Racconigi.
Gabriella Vaschetti ha iniziato descrivendo la Cicogna, illustrandoci i suoi comportamenti, le sue abitudini alimentari e riproduttive, tecniche di volo e rotte di migrazione; in seguito ha tracciato la storia della presenza della Cicogna in Europa e in specialmodo Italia e Piemonte e la storia del progetto di reinserimento della specie in Italia.


Informazione Naturalistica-Ornitologica

Nella primavera del 2001 la Società del Tarabuso ha posizionato sulle rive del Lago di Viverone due bacheche che fungono da punto di informazione naturalistica ornitologica per i numerosi turisti che frequentano tale bacino lacustre. Tali manufatti sono stati sistemati nel territorio comunale di Viverone: una bacheca si trova nei pressi del molo principale del comune rivierasco, un’altra è posizionata in località Becco, al termine della passeggiata del lungolago. In tali strutture sono affisse immagini fotografiche e notizie aggiornate sulle varie specie di uccelli presenti al lago nel corso dei vari mesi, in base ai rilevamenti effettuati dai soci del Tarabuso.
Nel mese di marzo del 2002 la Società del Tarabuso, in collaborazione con il Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale della Città di Ivrea “La Polveriera” e con il prezioso supporto del Laboratorio di Educazione Ambientale del CIRDA ha organizzato un “Corso di introduzione al Birdwatching”, sviluppatosi su tre lezioni teoriche e due uscite sul campo, che ha visto la partecipazione di circa 40 persone.

E sempre con il Laboratorio Didattico Territoriale di Educazione Ambientale della Città di Ivrea “La Polveriera” la Società del Tarabuso ha organizzato nel giugno del 2004 un’uscita notturna di birdwatching (aperta a tutta la cittadinanza) alla ricerca del Succiacapre, un uccello migratore che in estate è presente nei boschi dell’Eporediese.
La serata si è sviluppata su due momenti distinti.
Una prima parte teorica con breve relazione sulle abitudini di vita di tale uccello (relazione sviluppatasi con l’ausilio di proiezione di diapositive), e successiva uscita notturna sul campo nella zona del Lago Sirio ad Ivrea.
L’escursione ha avuto un ottimo riscontro di pubblico, e le circa 50 persone presenti hanno potuto osservare da vicino i funambolici e piroettanti voli dei Succiacapre che si riproducono sulle colline della zona dei Cinque Laghi di Ivrea.

NON SOLO UCCELLI...

Ogni buon naturalista non si limita ad apprezzare solo ciò che è prettamente correlato con il proprio campo di interesse, ma deve giustamente prestare attenzione anche ad altre forme sotto cui la natura si presenta, è con un certo orgoglio che da queste pagine presentiamo alcune fotografie relative all'avvistamento di due esemplari di Balenottera comune, osservazione avvenuta nel Mar Ligure di fronte ad Imperia nel corso di un Pelagic Trip ( ovvero escursione in mare aperto per osservare le specie ornitiche di alto mare ) organizzato alcuni anni fa dalla Società del Tarabuso a bordo della motonave "Il Corsaro".
Un avvistamento davvero entusiasmante quanto inaspettato, che suscitò ampio interesse e soddisfazione tra i numerosissimi birder ( giunti da un po' tutto il Nord Italia ) partecipanti alla gita.







Torna ai contenuti | Torna al menu