Società del Tarabuso


Vai ai contenuti

Anno IX n. 18

Archivio Notiziari

Anno IX, numero 18

Supplemento poco illustrato e poco serio al "Corriere piccolo".
Periodico di cultura ornitologica, vacanziera, gastronomica.
Si pubblica come e quando si può.
Inviato gratuitamente ai soci in regola con la quota associativa annuale.
Direttore irresponsabile: Germano Realis. Segretaria di Redazione: Silvia Borin.
Capo Redattore: Piova Nello. Inviati Speciali all'Estero: Martin Fisherman, Jean Leblanc.
Corrispondente da Londra: Jack Snipe
Hanno collaborato a questo numero: Gabriella Malusardi;
Ilario Manfredo

Stampa: Tipografie Riunite Gutenberg J. Magonza ( D )
Questo numero della rivista è stato stampato in 679.425 copie

Quattro e mezzo...

Carissime amiche, egregi amici della Società del Tarabuso,
come ogni anno di ritorno dalle vostre meritate vacanze ecco a voi il numero "autunnal- invernal" del notiziario della nostra associazione.
Su di esso troverete le date dei prossimi appuntamenti. Sono quattro e mezzo….
Sono tanti ( ? ) , sono pochi ( ? ), potevano essere di più???? Mah, che volete, il Consiglio Direttivo che si è riunito un sabato sera di fine Luglio nella verde Valchiusella presso il parco giochi del comune di Vico Canavese ha così deliberato a propria insindacabile decisione. D'altronde, a fronte di un certo qual "rilassamento" nel numero dei partecipanti alle varie gite, si è pensato bene di non mettere eccessiva "carne al fuoco" nel proporre troppe o troppo impegnative escursioni; insomma meglio fare poco ma farlo bene!!!
Il programma è alquanto "tradizionale", in primis sono stati mantenuti due momenti di aggregazione che gli anni passati hanno riscosso un notevole successo di partecipazione: l'uscita a rapaci notturni nelle risaie del Vercellese e la ormai "mitica" serata delle diapositive e della gara delle torte ornitologiche.
Quest'ultima serata presenterà una forte novità: come leggerete all'interno, essa non si svolgerà più presso il PalaTarabuso del Santuario di Sant'Antonio Abate di Monteperosio in Azeglio, ma bensì presso il rinnovato salone dell'Oratorio Sant'Anna, sempre però nel medesimo ridente paesello canavesano adagiato sulla riva occidentale del Lago di Viverone.
Il Consiglio Direttivo auspica vivamente che quanto proposto incontri l'incodizionato positivo riscontro da parte di tutte le amiche e tutti gli amici della Società del Tarabuso.
Un cordiale arrivederci a presto!!!!
Il Presidente

Dall'occhio all'obiettivo...ovvero quando osservare non basta più
di Gabriella Malusardi

Ieri sera sono stata a cercare rapaci notturni nella risaie del Vercellese, insieme a Gian, Ilario e Luciano. Due telefonate veloci per combinare, io e Gian siamo passati a prendere prima Luciano, poi Ilario ad Azeglio, dove ci siamo preparati gli "attrezzi da lavoro" (binocoli, torce, macchine fotografiche) e poi via, in giro fino alle 2 di notte a cercare ed osservare gli stringiformi, con il piacere di farlo in compagnia di amici; un'amicizia nata da questa bella passione che abbiamo in comune, ma che ormai và al di là del birdwatching, infatti ieri sera si è parlato di tutto, ci si è confidati, si è scherzato e anche bonariamente presi in giro.
Quando 12 anni fa mi iscrissi al corso di birdwatching (l'argomento mi interessava molto, sono sempre stata un'appassionata di animali e natura), mai avrei pensato che questo sarebbe diventato una delle passioni principali della mia vita, e che mi avrebbe permesso di stringere delle bellissime amicizie. E non solo.
Fin dai primi anni oltre all'osservazione ho provato a fare agli amici alati anche delle foto, ma senza tanta convinzione. Nella primavera del 2004 ho dovuto sospendere per un po' di sciare (mia grande passione fin da bambina) a seguito di un brutto incidente al ginocchio, e così ho dedicato più tempo al birdwatching; alla fine dell'anno sono arrivati nel Nord Italia i beccofrusoni, veri capolavori della natura, così belli e confidenti che non si poteva fare a meno di fotografarli. Sono stata ore ed ore ad immortalarli, sia in Alto Adige, che al colle S. Carlo e a Cossato, mi divertivo a ritrarli con i loro buffi ciuffetti, mentre si ingozzavano di sorbi, o ti scrutavano con quello sguardo tra il serio e l'incuriosito…Da quel momento ho capito che la semplice osservazione non mi bastava più, volevo avere una preda; ebbene sì, da allora mi dedico alla caccia, ma incruenta, ossia quella fotografica e le mie prede sono delle immagini.
E mi piace talmente tanto che quando sono in giro a fotografare animali (oltre agli uccelli mi piace molto fotografare i mammiferi, senza disdegnare gli insetti, anche se non sono una esperta della fotografia macro), sono così concentrata che non mi accorgo del tempo che passa, del freddo o del caldo, o della molta strada che faccio, in quel momento ci siamo solo io e l'animale e un obiettivo tra di noi: io e la moretta codona sull'altopiano del Varanger, io e la monachella del deserto sulla spiaggia di Vecchiano il giorno dell'Epifania, io e il fringuello alpino che mangiava il tarassaco al Passo Sella sulle Dolomiti....e tanti altri.
Quando ho finito di fotografare allora mi accorgo di avere magari le mani intirizzite, o le gambe stanche (come questa primavera al Delta del Po, quando ho seguito per circa 1 ora sulla spiaggia 3 piovanelli tridattili, e continuo a chiedermi come degli esseri così piccoli possano fare così tanta strada e a che velocità!)
Ma quando alla sera poi vedo le foto sul pc (bella cosa la fotografia digitale, che ti permette di vedere subito i risultati del tuo "lavoro"), ogni fatica è ripagata, e rivivo l'emozioni provate sul campo.
E se ho piacere di fotografare nuove specie, non disdegno di rifotografare specie delle quali magari ho già tanti immagini, perché ogni foto è unica e diversa dalle altre.
Inoltre ho una grande fortuna: un marito birdwatcher (anzi lui è molto + "sfegatato" di me) e complice in questa passione della fotografia, nonché mio paziente autista quando fotografo dalla macchina: fermati, vai un briciolo avanti, spegni il motore; forse Luciano non ha tutti i torti quando lo chiama "il Martire"….

Uscite birdwatching

Sabato 1 5 settembre.

Viene proposta, pure quest'anno, a tutti i Soci e simpatizzanti un'escursione in auto nella zona delle risaie del Vercellese alla ricerca dei rapaci notturni.
Questo appuntamento prese l'avvio tre anni fa, sotto forma di gara a squadre sul campo. Lo scorso anno subì una piccola evoluzione: abbandonato lo spirito agonistico, si optò per una escursione, pur sempre a equipaggi separati, caratterizzata però da reciproca intesa collaborativa.
Ovvero, pur seguendo itinerari diversi, i vari equipaggi, rimanendo in contatto telefonico o incrociandosi sulle strade del riso, si scambiavano preziose informazioni sulle varie osservazioni effettuate poco prima.
Fu così che TUTTI poterono quella notte osservare un "collaborativo" esemplare di Barbagianni, grazie alla precedente osservazione di "c'è qualcosa di chiaro posto su una linea telefonica" di un singolo equipaggio.
Per chi non ha mai partecipato alle uscite notturne in risaia, si ritiene utile informare che le probabilità di osservare in tali occasioni tutti i quattro rapaci più comuni ( Civetta, Gufo comune, Allocco, Barbagianni ) sono discretamente alte.
Sicuramente si avrà l'opportunità di osservare diverse Civette, molto probabilmente si vedranno alcuni Gufi comuni, è ragionevolmente possibile osservare almeno un Allocco, e con un pizzico di fortuna….si spera sempre nel mitico Barbagianni.
Si pensa inoltre di organizzare nel corso di tale serata, ovviamente prima dell'escursione, una cena a base di antipasti tipici piemontesi e panissa, presso un locale tradizionale della Bassa Vercellese, per rinsaldare così i vincoli di amicizia e collaborazione tra i vari soci e simpatizzanti.
Pertanto coloro che desiderano partecipare all' allegra tavolata sono vivamente pregati di telefonare ai numeri presidenziali entro le ore 21,00 di mercoledì 12 settembre. GRAZIEEE!!!!
Chi invece è interessato solo all'escursione è pregato di telefonare sempre ai medesimi numeri entro le ore 12 di sabato 15 settembre, onde stabilire il luogo di ritrovo.
La redazione ricorda i numeri della Presidenza:
0125 - 727 126
340 - 37 30955

10 ottobre gita in Val Barthelemy

Il Consiglio Direttivo propone per tale data un'escursione in Valle d'Aosta nel vallone di Saint Barthelemy. Molti, molti, molti anni fa tale area fu già oggetto di una nostra escursione, finalizzata alla ricerca del Picchio nero.
Allora non lo vedemmo, chissà se questa volta avremo maggiore fortuna….
L'elenco delle specie presenti in primavera in tale zona annovera, oltre al già citato Picchio, il Ciuffolotto, il Beccafico, la Passera scopaiola, lo Zigolo muciatto, il Verzellino, lo Zigolo giallo, la Tordela….e altre specie.
Chi intende partecipare è vivamente pregato di telefonare alla Presidenza ( vedi pagina precedente) entro le ore 12,00 di sabato 6 Ottobre.

Aspettando notizie dalla Liguria….

A fine settembre è intenzione organizzare un'escursione in Liguria finalizzata alla ricerca e all'osservazione dei Pivieri tortolini in migrazione sulle alture retrostanti Arenzano. Al momento non è possibile determinare la data precisa, essa sarà stabilita al momento della presenza degli uccelli oggetto dell'indagine.
Saremo infatti in costante collegamento con i birder liguri ( in primis la nostra cara amica Gabriella Motta ) che appena avvisteranno il mitico Tortolino avviseranno la redazione della Ga( r )etta. Sarà quindi impegno della Presidenza dare tempestiva comunicazione ai soci e simpatizzanti tramite Mail.
Gli sprovvisti di idoneo mezzo telematico sono pregati di esternare il loro interesse all'escursione telefonando ai numeri presidenziali entro il 15 settembre.
Se la gita avrà luogo saranno così sollecitamente informati a tal riguardo via telefono tradizionale.

A proposito della Liguria….

Da queste colonne sia consentito un caloroso plauso e sia permesso esternare un sincero complimento alla nostra amica Gabriella Motta ( ricordate vero la sua partecipazione in qualità di relatrice all'ultima serata delle diapositive e torte ornitologiche!?!?! ) la quale ha avuto il grande onore di vedere pubblicate alcune sue bellissime fotografie sulla prestigiosa rivista di natura "OASIS".
Quando la redazione della Ga( r )zetta del Tarabuso sarà MOLTOOOOO, ma MOLTOOOOO ricca, seguirà le orme di Oasis e si onorerà di pubblicare sue realizzazioni fotografiche. Ma per ora…non c'è speranza….

Dolci diapositive

Sabato 24 novembre 2007 ore 21,10


Avrà luogo in tale data un classico appuntamento che anno dopo anno vede sempre più una larga partecipazione di attento e interessato pubblico: la serata denominata "DOLCI DIAPOSITIVE".
Quest'anno i relatori saranno alcuni soci della nostra associazione: Luciano Ughetto, la sua gentile signora Carlotta Pesando, Gabriella Malusardi con il marito Gian Mario Ghione e il Presidente Ilario Manfredo.
Presenteranno un montaggio di diapositive in formato proiezione digitale relativo al loro recente viaggio ornitologico nella Penisola di Varanger e Nord Finlandia.
Promettono una piroettante e scoppiettante serata a base di Urie, Pulcinella di mare, Marangoni dal ciuffo fotografati a circa due metri di distanza all'isola di Hornoya, Labbi codalunga in volo ravvicinato, Labbi posati nella tundra, Falaropi beccosottile esageratamente troppo vicini, fotografie di laghi ghiacciati con coppie di Strolaghe minori, Morette codone in volo radente, Pettazzurri ritratti in canto, Edredoni con pulcini, Aquile di mare nel cielo norvegese, Cincie siberiane che si affacciano dalle cassette nido…..
E poi panorami mozzafiato di profondi fiordi, imponenti pareti di roccia su cui nidificano le Poiane calzate, pittoresche casette rosse nella tundra, villaggi di pescatori con le reti stese ad asciugare al sole di mezzanotte, pascoli con Renne, Volpi lungo le strade, merluzzi messi ad essiccare…
Tutto ciò presso il salone dell'Oratorio Parrocchiale Sant'Anna di Azeglio.
E' stato infatti deciso di cambiare l'ubicazione del luogo che ospiterà tale evento in considerazione del fatto che gli scorsi anni il PalaTarabuso del Santuario di Sant'Antonio Abate aveva evidenziato gravi limiti nella ricettività del numeroso pubblico. Il nuovo locale sicuramente soddisfacerà le aspettative dell'organizzazione, considerando che in passato era adibito a cinema parrocchiale, e ancora oggi è possibile, ad esempio, usufruire del piano rialzato "galleria" per la ottimale visione di eventuali proiezioni, come appunto nel nostro caso specifico.
Tale salone si trova in centro paese ad Azeglio, a fianco della chiesetta di Sant'Anna, sul lato est della Piazza Conti d'Harcourt ( conosciuta in paese come "piazza della Calcinaria"), all'altezza dell'incrocio con Settimo Rottaro, ove appunto via Gugliemo Marconi incrocia via Settimo. La vicina Piazza Conti d' Harcourt assolve la funzione di ampio e comodo parcheggio.
Al termine della proiezione avrà luogo la "storica" gara del dolce ornitologico.
Ovvero sarà premiato il dolce più bello, carino, simpatico, originale presentato da chi vorrà partecipare alla singolare ed estemporanea competizione. Come ormai tutti ( si spera ) sapete al termine della serata tali manicaretti( di esclusivo soggetto ornitologico ) saranno offerti al gentile pubblico intervenuto. I dolci per poter partecipare alla gara dovranno essere prodotti dai loro presentatori. Non sono ammesse creazioni acquistate presso laboratori di pasticceria o similari.
Il Consiglio Direttivo auspica una forte partecipazione di soci, socie, simpatizzanti.
La serata ovviamente è aperta a tutti, chiunque può venire accompagnato da amici, parenti, vicine di casa….

Piccolo annuncio

Il Presidente e la socia Gabriella Malusardi informano che la sera di venerdì 26 ottobre alle ore 21,00 presso il salone dell'Oratorio Sant'Anna in quel di Azeglio ( vedi articolo a pagina 4 ) presenteranno un montaggio di loro diapositive a soggetto ornitologico in formato digitale dal titolo " Digit ALI e piume", già presentato ai soci e amici del Tarabuso nel novembre del 2005 nel corso della serata "Dolci Diapositive". Nel contesto saranno inserite alcune immagini inedite, anche se l'impianto principale multimediale seguirà la precedente edizione.
Tuttavia chiunque di voi ha vivo piacere di essere presente sarà ovviamente il benvenuto.
La serata culturale è organizzata dalla locale associazione di volontariato ARTEV.

Si informa che

da alcune settimane non è più possibile visionare sul fotoalbum on line all'indirizzo:
http://it.photos.yahoo.com/riofreddo85
le immagini ( antiche… ) delle varie attività "del tempo che fu" della nostra associazione.
Ciò perché Yahoo ha recentemente "chiuso" lo spazio dedicato ai fotoalbum dei propri iscritti.
Tutte le immagini sono però state trasferite sul server FLICKR.
Quindi per vederle dovete ora digitare:
www.flickr.com/photos/ilarius
Così come quando era operativo Yahoo, si tratta di uno spazio "privato" del nostro Presidente.
Per vedere tali immagini della Società dovete clickare sulla scritta RACCOLTA , visibile sopra il nome ILARIUS all' apertura della pagina. Quindi scegliete la raccolta " La Società del Tarabuso" e aprite i vari set.
Per vedere invece le immagini recenti vale ancora il " nuovo" fotoalbum:
www.societadeltarabuso.fotoalbum.it
Il Consiglio Direttivo si scusa inoltre con tutti e tutte se il tradizionale sito WEB dell'associazione non è più aggiornato, ma il gran maestro del sito è impossibilitato ad operare.
Cercasi volontari esperti….

Assemblea annuale delle Socie e dei Soci

Avrà luogo presso il PalaTarabuso del Santuario di Sant'Antonio Abate ad Azeglio ( TO ) alle ore 16.30 del giorno sabato 15 dicembre 2007. Alle Socie e ai Soci in regola con i pagamenti della quota associativa di almeno uno dei due ultimi anni sociali verrà data dettagliata comunicazione a tempo debito, come stabilito dallo Statuto Societario.

Fiori d'arancio
Nulla da segnalare…..
Si mormora che..…ma per ora….ripetiamo….nulla da segnalare!!!!

Primi vagiti: nulla…..i soci e le socie evidentemente non si applicano con sufficiente ardore


























Torna ai contenuti | Torna al menu