Società del Tarabuso


Vai ai contenuti

Anno VI n. 11

Archivio Notiziari

anno VI - n°11


Supplemento poco illustrato e poco serio al “Corriere piccolo”.
Periodico di cultura ornitologica, vacanziera, gastronomica.
Si pubblica come e quando si può.
Inviato gratuitamente ai soci in regola con la quota associativa annuale.

Direttore irresponsabile: Germano Realis
Segretaria di Redazione: Silvia Borin
Capo Redattore: Piova Nello
Inviati Speciali all’Estero: Martin Fisherman, Jean Leblanc

Hanno collaborato a questo numero: Tiziana Pollono, Ilario Manfredo


Dieci Individui sotto la Pioggia . . .

E:\VARIE PER SITO TARABUSO\Vecchio immagini\notizi15.jpg
Error File Open Error


Domenica 18 gennaio.
Eravamo in dieci, dieci birder, nove soci e socie e un simpatizzante della Società del Tarabuso sotto la pioggia, con pesanti zaini sulle spalle, cannocchiali e treppiedi al seguito, scarponi e stivali ai piedi, ombrelli aperti scompaginati dal fastidioso vento…
La nostra meta: il capanno per le osservazioni sul fiume Sesia, di fronte all’Isolone di Oldenico, riserva speciale del Parco Naturale delle Lame del Sesia.
La nostra speranza: l’esemplare di Aquila di mare visto due giorni prima dal sottoscritto e da Tiziana Pollono, osservato per più di due ore magnificamente posato su un albero.
Giunti al capanno iniziò la paziente attesa….venti occhi a scrutare con estrema attenzione ogni ramo degli alberi sull’opposta riva, venti occhi puntati su migliaia e migliaia di Colombacci, su decine di Cormorani, su isolate Cornacchie grigie, su due lontane Poiane…
Ma la nostra bramosia di nuove strepitose osservazioni quel giorno andò delusa: dopo due ore di vana attesa, con grande rammarico tornammo sui nostri passi, senza aver visto l’unica Aquila di mare presente in quei giorni in Italia….


Domenica 25 gennaio.
Eravamo in tre, tre birder, due soci e una socia della nostra associazione, esposti al gelido vento che soffiava nella valle di Ceresole Reale, nel Parco del Gran Paradiso, lungo la strada provinciale che da Chiapili Inferiore sale, su tortuosi percorsi, sin al colle del Nivolet.
Ed ecco che improvvisamente si para dinanzi a noi uno stupendo quanto inaspettato esemplare di Gipeto adulto, il quale si lascia osservare per circa tre quarti d’ora, e prima di scomparire transita, quasi per salutarci, vicinissimo a noi……

E pensare che noi quel giorno aspiravamo a vedere qualche Sordone e magari, chissà pure alcuni Gracchi corallini.

Così è il Birdwatching: attese frustranti e inconcludenti e inaspettati e “ gioiosi” incontri, felicità e delusione, soddisfazione e rammarico, fatica e piacere…..
Ma le grandi e intime gioie che elargiscono ogni volta nuove e insperate visioni di nostri amici alati sempre eclissano, sempre annullano, sempre cancellano i momenti che magari non sono stati proficui, come forse speravamo, dal punto di vista ornitologico.

Il Birdwatching è anche una palestra di vita: richiede pazienza, calma, fiducia, un pizzico di spirito di adattamento alle situazioni che magari in quel momento non ci piacciono; a volte pretende un certo sacrificio, dovuto allo scrollarsi da dosso la tentazione di non muoversi, di godersi l’ozio standosene chiusi in casa al caldo, di dormire ancora un po’; in altre occasioni chiede di lanciare una sorta di sfida a ciò che apparentemente pare una possibilità remota, quasi senza speranza…..
Ma ogni volta che le nostre aspettative vengono esaudite, o la fortuna si ricorda di noi e ci aiuta nelle nostre osservazioni, abbiamo buon diritto a essere felici e contenti.
E se la domenica volete passarla al lago di Viverone ammirando due Pesciaiole o un Quattrocchi, per ora sappiate che non costa nulla….. se invece tale giornata volete trascorrerla in casa vedendo alla TV “Domenica in” ricordatevi che prima dovete pagare il canone della Rai……

il Presidente

Assemblea Annuale del 13/12/2003

Il salone del Santuario di S. Antonio Abate in Azeglio ci ha ancora una volta ospitati per l’annuale Assemblea di fine anno.
Il Presidente ha aperto la seduta con un excursus delle attività effettuate nel corso del 2003.
Nuove idee sono emerse tra i soci per il futuro; tra queste da segnalare le proposte di un soggiorno all’isola di Palmaria, dove in primavera è attivo un centro di inanellamento e di uno in Trentino Alto Adige, dove sarebbe possibile puntare a specie davvero interessanti (vi basti pensare al Gallo cedrone e alla Civetta nana!)
Molti hanno inoltre auspicato il ripetersi, anche per il prossimo anno, dell’incontro di luglio, presso la piscina di Francesca Siragusa, che risulta essere uno tra gli appuntamenti più graditi dai soci; a lei facciamo pervenire sia il nostro grazie per l’ospitalità che la richiesta di cui sopra!
E’ stato poi presentato il bilancio annuale, che si è chiuso in attivo e si è deciso di lasciare invariata la quota associativa per il 2004.
I soci hanno accettato la candidatura del Consiglio Direttivo, che è stato quindi rieletto.
Del tutto rinnovata è stata quest’anno la gara ornitologica. Le tradizionali diapositive e i rebus hanno infatti lasciato il posto alle imitazioni canore :

ogni concorrente sceglieva tre uccelli e ne riproduceva il verso, accompagnandolo con una mimica esplicativa.
Tutti i partecipanti si sono esibiti con bravura e grande simpatia, suscitando l’entusiasmo del pubblico.
La giuria ha decretato la vittoria di Francesca Prandi, seguita da Luciano Ughetto e da Alex Coda : complimenti a tutti e tre!
Le portate della cena che è seguita sono risultate, come al solito, ottime e abbondanti. Un grazie particolare va rivolto a Ines che ha cucinato per tutti gli agnolotti offerti dalla Società, conditi con il suo strepitoso ragù.
Il dopocena è stato allietato per il secondo anno consecutivo dalla visita graditissima, anche se fugace, di un personaggio davvero importante: Babbo Natale, che ha portato i suoi auguri e dolci per tutti... fonti sicure hanno riferito essere anche lui un appassionato ( nonchè preparato) birdwatcher : aspettiamoci dunque un 2004 di avvistamenti strepitosi!

Tiziana

ULTIMISSIME NOTIZIE!!!!!

Al momento di dare alle stampe questo periodico la nostra Associazione è stata contattata dal Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale della Città di Ivrea,con l’invito a organizzare un’escursione ornitologica notturna aperta per la cittadinanza.
Si è quindi convenuto di predisporre un’uscita a Succiacapre in data 19 Giugno nella solita e conosciuta area della Bacciana, nei pressi del lago Sirio.
L’escursione è quindi aperta a tutti i soci e socie del Tarabuso che avranno il piacere di aggregarsi, non avendo essi (a differenza dei comuni mortali) alcun obbligo di dover contattare il personale del Laboratorio. Per eventuali adesioni, orario e luogo di ritrovo sarà sufficiente informarsi presso il Presidente.


Novità dal Campo

Anche questo inverno sono tornate le Oche lombardelle sui laghi del Canavese.
Non sono state registrate presenze numerose come l’inverno scorso, tuttavia segnaliamo quanto segue.
Al lago di Viverone sono stati osservati 5 esemplari il giorno 10 gennaio, divenuti ben 12 nei giorni successivi.
In data 31 gennaio erano presenti ancora 11 individui.
Al lago di Candia invece si sono registrate queste presenze: 64 Oche lombardelle il giorno 23 Gennaio e 53 esemplari due giorni dopo, aumentati di una unità a inizio febbraio.

Fiori D'Arancio

Continua, con immenso dolore da parte della Redazione della rivista, la triste consuetudine di NON poter annoverare alcuna comunicazione di avvenuto evento matrimoniale da parte di gentili socie o aitanti soci!!!!!!!
Il nostro Servizio Super Segreto ci ha inoltre trasmesso l’informativa riservata secondo la quale pure future pubblicazioni di matrimonio NON paiono prossime.
Si confida vivamente nell’intraprendenza delle associate libere e nei soci desiderosi di accasarsi.

Primi Vagiti

Purtroppo NON sono giunte a codesta Redazione notizie recenti riguardanti nascite di paffutelli pargoli quali nuovi virgulti delle famiglie di socie o soci.
La Redazione confida fiduciosa, facendo affidamento sulle uggiose e fredde domeniche dell’inverno testè al termine… giornate invernali tradizionalmente trascorse in casa tra le mura domestiche giocando a carte….

DAL CONSIGLIO DIRETTIVO

Si informa che nel corso dell’ultimo Consiglio Direttivo riunitosi in data 12/01/2004

si è proceduto alla distribuzione delle varie cariche sociali.
Esse restano INVARIATE rispetto all’anno appena concluso.
Il Consiglio Direttivo ringrazia per la fiducia ACCORDATA.












Torna ai contenuti | Torna al menu