Società del Tarabuso


Vai ai contenuti

Anno XII n. 24

Archivio Notiziari

La GA(R)ZZETTA del TARABUSO
ORGANO UFFICIALE DELLA SOCIETA' DEL TARABUSO
www.societadeltarabuso.com
Anno XII, numero 24
Supplemento poco illustrato e poco serio al "Corriere piccolo".
Periodico di cultura ornitologica, vacanziera, gastronomica.
Si pubblica come e quando si può.
Inviato gratuitamente ai soci in regola con la quota associativa annuale.
Direttore irresponsabile: Germano Realis. Segretaria di Redazione: Silvia Borin.
Capo Redattore: Piova Nello. Inviati Speciali all'Estero: Martin Fisherman, Jean Leblanc.
Corrispondente da Londra: Jack Snipe
Hanno collaborato a questo numero: Giovanni Rege da Vische, GianMario Ghione,
Ilario Manfredo

Stampa: Tipografia Whu Khujing Tze Hu Ling Ciong ( Shangai - Rep. Pop. of China )
Questo numero è stato stampato in 769.496 copie.

Chi vuole e può..aiuti!!!


Carissime amiche,
egregi amici della Società del Tarabuso, bentornate/i dalle vostre vacanze estive,che mi auguro siamo state colme di serenità, spensieratezza e sopratutto….di interessanti avvistamenti ornitologici!!! Avete portato con voi il fido binocolo, vero???
Con questo nuovo numero del nostro notiziario potrete avere un sunto delle prossime proposte del Consiglio Direttivo, riservate a voi tutte/i. Nelle pagine centrali troverete infatti il programma delle varie iniziative. A pagina 5 invece è pubblicato un interessante articolo a cura del nostro caro amico Giovanni Rege da Vische, il quale ci illustra con dovizia di particolari un suo ambizioso progetto , tramite catture e inanellamento, inerente lo studio delle migrazioni dei Gabbiani comuni che in inverno frequentano il Lago di Viverone e le rive della Dora Baltea ad Ivrea.
L'amico Giovanni conclude il suo articolo con il vivo auspicio che qualche socio/a della nostra associazione si aggreghi fattivamente sul campo al suo gruppo di lavoro.
Infatti tra le tante scienze che si avvalgono del lavoro ( serio ) fatto da numerose persone a livello amatoriale per migliorare le conoscenze specifiche del proprio ambito, sicuramente è l'ornitologia una di quelle che maggiormente trae indiscussi benefici dalle prestazioni volontarie e gratuite svolte da persone mosse solo da tanto entusiasmo e grande passione!!!
Per rimanere in tema informo che probabilmente in data 16 Gennaio 2011 avrà luogo il consueto censimento International Waterfowl R esearch Bureau degli uccelli acquatici al lago di Viverone.
Vi erudisco sin da ora che servono….scrivani, ovvero persone che aiutino i censitori del Gruppo Piemontese Studi Ornitologici a "tenere la conta", prendendo semplicemente appunti su un quaderno dei numeri dettati, permettendo così al personale preposto alla conta di non distrarre mai l'occhio sempre vigile dalle lenti degli strumenti ottici. Il censimento, salvo imprevisti dell'ultima ora, avverrà usufruendo del mezzo che svolge il servizio pubblico di navigazione sul lago ( navigando con il motore al minimo…per non disturbare.. ), quindi ai partecipanti verrà offerta un' opportunità di svolgere una "piccola, ma proprio piccola, crociera". Pensateci, sia al progetto di Giovanni, sia al giorno del censimento: e ricordate che l'ornitologia del Canavese ha bisogno anche del vostro impegno!!!
Se volete collaborare telefonate a chi ha redatto questo articolo di prima pagina, ovvero :

Il Presidente

La nostra amica la Civetta nana

Non avendo potuto partecipare ad una passata gita del Tarabuso in Val Badia, quest'anno siamo andati con entusiasmo a Longiarù per il meeting di EBN.
Partiti con Luciano e Carlotta, ormai ns. inseparabili compagni di avventure ornitologiche, ci aspettavamo diverse specie target, tra cui due stringiformi, la Civetta nana e la Civetta capogrosso. Purtroppo nonostante gli sforzi di Maurizio "Morinellus" Azzolini, la Civetta capogrosso non era contattabile, perché il nido da lui trovato occupato qualche giorno prima, ora era vuoto. Discorso ben diverso è stato per la piccola civetta dei boschi di montagna.
Il giorno dopo al ns. arrivo, grazie al magico fischio imitatore di Morinellus, il gruppo contattava la nana poco lontano dall'albergo, anche se purtroppo né io né Gabri riuscivamo a vederla.
Così alla sera, nonostante la pioggerellina e il freddo sono ritornato nel bosco con Maurizio e il socio EBN Marco Sozzi, ad arrampicarci su per i pendi ad alla fine siamo riusciti ad ammirarla per bene.
Il giorno dopo anche Gabri ha avuto il suo lifer per la civettina, che si è posata, sotto una pioggia battente, pochi metri sopra di noi, osservandoci con il suo sguardo severo.
Ma ancora più emozionante è stata l'incontro che abbiamo avuto al Colle delle Erbe, noi tre, insieme a Luciano e Carlotta, quando, partiti gli altri soci di EBN, abbiamo continuato le osservazioni per conto nostro.
Mentre osservavamo e fotografavamo un nido di Picchio rosso maggiore, proponevo a Luciano di lanciare il richiamo della Civetta nana. Come pensavo sono subito arrivati numerosi passeriformi, crocieri, cince, bigiarella, regoli, allarmati nel sentire la loro nemica.
Ma poi sentiamo rispondere al richiamo ed arriva, sì proprio lei, un esemplare di Civetta nana.
In un attimo ce la ritroviamo a qualche metro da noi, prima infastidita dagli altri uccelli che provano a disturbarla, ma lei rimane lì per un'ora circa a farsi ammirare, facendosi toilette, gorgheggiando, osservandoci con aria truce, roteando la testa di quasi 180 gradi, permettendoci di osservare i falsi occhi che ha sulla nuca.
E' un animale incredibile, piccolissima, una cacciatrice temibile, e come ci aveva giustamente detto Morinellus risponde alla grande ai richiami e può rimanere per un bel po' a farsi vedere, per nulla intimorita dalla tua presenza.
Insomma questo nuovo lifer è stato davvero una nuova grande emozione che ci ha regalato il birdwatching!!!!

GianMario Ghione

Appuntamenti ed escursioni

Sabato 11 Settembre 2010
Andiamo a mangiare la Panissa e a vedere i Gufi

Tradizionale appuntamento autunnale, un connubio e mix di buona tavola e antichi sapori della tradizione con un birdwatching di alto lignaggio. Prima di spingerci in risaia con le nostre auto durante la buia notte, alla ricerca di Gufi, Civette e Barbagianni, ci ritroveremo dinnanzi a un piatto ( anzi facciamo DUE ) di fumante Panissa, magistralmente cucinata a puntino dalla cuoca del Ristorante La Torretta di Bianzè.
Il convivio mangereccio inizierà alle ore 19,30 con piatto di salumi assortiti, dopo la Panissa seguirà un delicato arrosto e la cena si concluderà con un dolce. Vini della casa, acqua con gas e senza gas. Prezzo a birdwatcher: Soci della Società del Tarabuso 20 Euro. Simpatizzanti: 20, 50 Euro.
Per coloro che intendono partecipare alla cena è INDISPENSABILE la prenotazione da effettuarsi entro le ore 20, 27 del giorno 9 settembre 2010, telefonando agli uffici della Presidenza:
0125- 727 126 340 - 37 30 955.


Sabato 2 ottobre 2010
Andiamo al Festival dei Gufi

Il Consiglio Direttivo propone una gita al Festival dei Gufi 2010 al Castello di Corticelli, a Nibbiano in provincia di Piacenza. Nei due giorni in cui si sviluppa l'evento prenderà corpo una serie di "proposte" aventi come tema centrale i rapaci notturni. Avrà luogo un convegno scientifico dedicato alla biologia e distribuzione degli Strigiformi d'Europa; ampio spazio espositivo sarà dedicato a mostre fotografiche e di disegno ritraenti Civette, Gufi e company; saranno presenti stand di case editrici che presenteranno al pubblico le loro pubblicazioni; verrà allestita la più grande mostra mercato del mondo (così si mormora… ) dedicata all'oggettistica avente come tema i Gufi; verranno proposti spettacoli teatrali aventi come personaggi i nostri amici della notte; sarà possibile dipingere la propria faccia a mò di quella dei rapaci notturni ( Paint Face ); avranno luogo laboratori didattici dedicati a grandi e a piccini che introdurranno il pubblico a scoprire i segreti di questi misteriosi uccelli e ovviamente non mancheranno liberazioni pubbliche di rapaci curati presso i vari centri recupero della fauna. Questi saranno i soli rapaci "in carne, ossa e piume" presenti al Festival.
Insomma, un evento da non perdere!!!!
Per saperne di più visitate: http://www.festivaldeigufi.it
Per partecipare si prega di telefonare ai soliti numeri della Presidenza ( vedi sopra ) entro le ore 20,32 di giovedì 30 settembre 2010.

Sabato 20 Novembre
Serata DOLCI DIAPOSITIVE

Avrà luogo in tale data il classico appuntamento autunnale che ogni anno richiama schiere infinite di appassionati della fotografia naturalistica e insigni cultori delle creazioni artistiche di alta pasticceria applicata. L'evento si svolgerà come sempre alle ore 21,00 presso l'Oratorio Sant'Anna in Azeglio ( TO ), sito presso Piazza Conti d' Harcourt, angolo Via Calcinaria. Le bellissime diapositive saranno presentate dal nostro amico Gianni Conca ( un gradito ritorno!!!! ) che proietterà due suoi montaggi inerenti l'avifauna e i paesaggi di due realtà alquanto diverse tra loro, ma entrambe affascinanti: l'Islanda e la Turchia. A seguire avrà luogo la premiazione con il Bignè di Platino dei dolci a soggetto ornitologico, portati in dono ai presenti da alcuni volenterosi soci/e. Tutti voi conoscete il funzionamento "dell'ambaradan", per cui non è il caso di dilungarsi nei particolari della gara; si fa comunque appello alla buona volontà di tutti affinché i partecipanti siano molti e la sfida pasticcera possa così assurgere a livello qualitativo notevole. Si mormora che una concorrente giungerà dalla lontana Finlandia e un'altra dalla Danimarca, noi ci contiamo vivamente…per internazionalizzare così questo evento.

Sabato 14 dicembre.
Assemblea annuale dei Soci e delle Socie e Cena degli Auguri.

Quanto sopra in oggetto avrà luogo a partire dalle ore 17,00 presso il PalaTarabuso ubicato c/o il Santuario di Sant'Antonio abate di Monte Perosio in quel di Azeglio ( TO ). Oltre all'assemblea e Cena degli auguri in formato salesiano (ognuno porti qualcosa da condividere.. ) avrà luogo la pirotecnica Gara di Birdwatching organizzata dal Presidente. A tempo debito tutti i soci e socie in regola con la quota associativa 2010 riceveranno la comunicazione ufficiale. I non soci che desiderano partecipare saranno MOLTO ben accetti, purché in tale occasione ovviamente versino la quota dell'anno prossimo a venire!!!

Domenica 30 Gennaio 2011
Birdwatching al Lago di Viverone.

"Doverosa" visita invernale di cortesia al nostro lago, di recente selvaggiamente violentato da barbariche decisioni della Giunta Regionale. Ovvero via libera a nefaste gare di motonautica,
il tutto giustificato dalla necessità di "salvaguardare l'ambiente…" (sic !!! ).
Strolaghe mezzane, Svassi piccoli, Smerghi assortiti si paleseranno nei nostri cannocchiali, per la gioia di esperti e neofiti del birdwatching!!!
Per partecipare si prega di telefonare al Presidente entro le ore 12,03 del giorno antecedente l'escursione, componendo uno dei seguenti numeri telefonici: 0125 727 126 - 340 37 30 955.

Sabato 19 Febbraio 2011.
Bagna Cauda sociale

In tale data presso il PalaTarabuso di Monte Perosio d'Azeglio ( TO ) avrà luogo l'allegro convivo sociale imperniato sull'arcano rito della degustazione del prezioso intingolo di cui in oggetto.
Chi ha intenzione di partecipare all'evento deve, entro le ore 20,32 di giovedì 17 febbraio 2011, dare la propria adesione a uno dei numeri telefonici Presidenziali ( vedi sopra ).
E' fatto obbligo ai degustatori di Bagna Cauda di presentarsi al luogo convenuto entro le ore 19,00 di tale data, accompagnati da 7 ( sette ) acciughe versione sotto sale, ben lavate, dissalate e diliscate.


Progetto Inanellamento Gabbiani


Come per altre specie piuttosto comuni, i Gabbiani vengono troppo spesso snobbati dal Birdwatcher, che sempre alla ricerca di specie più rare, si lascia sfuggire la possibilità di raccogliere dati importanti al fine di meglio comprendere la vita di questi uccelli.
La volontà di attivare questo progetto nasce dalle favorevoli condizioni venutesi a creare negli ultimi anni nel territorio canavesano / torinese; la presenza di Gabbiani è notevole e sono in aumento gli osservatori, fattori indispensabili per la riuscita. Il progetto ha come obiettivo la raccolta di dati sugli spostamenti e sull'uso dei diversi ambienti, dalle aree di alimentazione a quelle di sosta o dormitorio; la successiva analisi delle auspicabili letture di anelli potrà dare nuove informazioni a tal riguardo. Alcune uscite effettuate nell'inverno scorso lungo la sponda del lago di Viverone, mirate allo studio del comportamento degli stormi e dei singoli soggetti abituati ad avvicinarsi alle persone che portano loro pane e scarti di cucina, hanno evidenziato la presenza di diversi Gabbiani comuni marcati con anelli metallici.
Rep. Ceca, Slovacchia, Polonia, Lituania, Svizzera e Danimarca sono i Paesi in cui sono stati marcati i soggetti osservati; oltre all'anello metallico classico, il soggetto danese portava un anello in plastica colorata, con codice alfabetico.
La marcatura con anelli colorati visibili a distanza facilita molto la verifica della presenza dei soggetti, in questo territorio, oppure, invece, le letture oltre confine potranno testimoniare movimenti più ampi ed indicazioni sulla provenienza e destinazione di questi individui.
Per "Progetto Inanellamento Gabbiani" si intende, l'apposizione di anelli di riconoscimento alle zampe dei Gabbiani. L'attività è rivolta per ora alla marcatura della specie Gabbiano comune (Larus ridibundus), con due tipi di anello: uno metallico classico con codice alfanumerico ed indicazione dello Schema Nazionale di Inanellamento, ed uno in plastica colorata con codice alfabetico; nel caso di catture di altre specie si procederà all'apposizione del solo anello metallico. Si intende porre l'attenzione in particolare ai soggetti presenti dal 15 dicembre al 15 febbraio, periodo in cui si pensa che non avvengano grandi spostamenti degli stormi dai luoghi scelti per svernare; l'inverno 2010/2011 sarà periodo di prova per lo svolgimento di questa attività, nuova per la nostra Regione. Le località all'apparenza più adatte sono il lago Viverone e la Dora Baltea ad Ivrea. Gli anelli metallici sono forniti dall''Istituto Superiore per la Ricerca e La Protezione Ambientale" (I.S.P.R.A.) che ha indicato in accordo con l'organizzazione internazionale Cr-Birding, altresì codici e colori per la produzione degli anelli in plastica, di colore giallo con cifre in nero. Opereranno inanellatori e collaboratori in possesso di regolare abilitazione rilasciata dall' I.S.P.R.A. ed autorizzazioni rilasciate dalle Provincie. Saranno informati inoltre gli Assessorati all'Ambiente e gli Uffici di sorveglianza territoriale dei Comuni interessati. Sarà possibile nel caso fosse richiesta, la raccolta di campioni per la verifica delle condizioni sanitarie dei soggetti catturati.
Come sempre accade durante la sessioni di inanellamento, si spera che l'argomento sia fonte di interesse ed eventuali visite di appassionati o di aiutanti, risulteranno senz'altro gradite.

Giovanni Rege

Ornitho.it

Volete contribuire fattivamente al progresso dell'Ornitologia italiana? Avete piacere che le vostre osservazioni diventino un prezioso contributo alla realizzazione dell'Atlante Nazionale degli Uccelli nidificanti? Allora collaborate al progetto Ornitho.it
Ornitho.it è il sito web in formato piattaforma digitale, quale banca dati comune d'informazione di ornitologi e birdwatcher italiani e di molte associazioni ornitologiche nazionali e regionali che hanno come obiettivo lo studio, la conservazione degli uccelli il birdwatching e la loro promozione. Ornitho.it si sta rivelando un prezioso strumento di lavoro per la realizzazione dei progetti nazionali quali l'Atlante degli uccelli nidificanti e per quello degli Uccelli svernanti. Le finalità istitutive di Ornitho.it sono le seguenti: la costituzione e il mantenimento di una banca dati ornitologica omogenea per tutto il territorio nazionale italiano, compreso quello di San Marino, dello Stato Pontificio e dalla parte settentrionale della Tunisia; la formazione di una base conoscitiva utile per la conservazione del patrimonio ornitologico nazionale; il monitoraggio della ricchezza ornitologica del territorio italiano, con particolare riferimento alle aree protette e ai siti della rete Natura 2000; la condivisione dell'informazione ornitologica di base. Chiunque può contribuire al progetto inviando i dati delle proprie osservazioni ( da quelli riguardanti le specie più comuni a quelli relativi alle specie rare ) al data base di Ornitho.it. Il caricamento dei record è semplice, veloce, intuitivo e si appoggia a Google Earth. Per saperne di più è sufficiente collegarsi a Ornitho.it e leggere attentamente le varie istruzioni, avvisi, informazioni e liberatorie. Quindi iscriversi seguendo le regole e iniziare a immettere i dati delle proprie osservazioni. E' tutto su: www.ornitho.it

Primi vagiti

In data 6 aprile 2010 alle ore 8,30 è venuto alla luce Mattias Gassino, secondogenito del nostro caro amico Werner Gassino e della gentile signora Laura Balegno. Il pargolo pesava al momento della nascita Kg. 3,498. Attualmente Mattias cresce sano, forte, robusto e in perfetta salute e ha già raggiunto il peso di Kg. 8 circa; il tutto per la grande gioia di papà, mamma e della sorella Ginevra!!!
All'amico Werner e a tutta la sua famigliola giungano i più sinceri auguri di serenità da parte di tutta la Società del Tarabuso.


Fiori d'arancio

Non sono giunte alla Redazione notizie di matrimoni assortiti celebrati in questo lasso di tempo intercorso dalla precedente pubblicazione del nostro notiziario. In considerazione del fatto che l'inverno, periodo notoriamente non consono a tali eventi, ormai sopravanza, la Redazione è spiacente nel constatare che di conseguenza non vi è nulla da segnalare, né ora, né in un prossimo futuro!!!!!

Questo numero è stato stampato in 769.496 copie in data 29 Agosto 2010 ( XV dall'Avvento del Tarabuso ) da:
Tipografia Whu Khujing Tze Hu Ling Ciong ( Shangai - Rep. Pop. of China )

Il prossimo numero della Ga( r )zetta del Tarabuso sarà in edicola il giorno 18 febbraio 2011.
Arrivederci!!!!!
























Torna ai contenuti | Torna al menu