Società del Tarabuso


Vai ai contenuti

Anno XIII n. 25

Archivio Notiziari

La GA(R)ZZETTA del TARABUSO

ORGANO UFFICIALE DELLA SOCIETA' DEL TARABUSO
www.societadeltarabuso.com
Anno XIII, numero 25
Supplemento poco illustrato e poco serio al "Corriere piccolo".
Periodico di cultura ornitologica, vacanziera, gastronomica.
Si pubblica come e quando si può.
Inviato gratuitamente ai soci in regola con la quota associativa annuale.
Direttore irresponsabile: Germano Realis. Segretaria di Redazione: Silvia Borin.
Capo Redattore: Piova Nello. Inviati Speciali all'Estero: Martin Fisherman, Jean Leblanc.
Corrispondente da Londra: Jack Snipe
Hanno collaborato a questo numero: Carlotta Pesando, Gianni Conca,
Ilario Manfredo

Stampa: Tipografia Whu Khujing Tze Hu Ling Ciong ( Shangai - Rep. Pop. di Cina )
Questo numero è stato stampato in 869.498 copie.

ASSEMBLEA 2010

Ha avuto luogo presso il PalaTarabuso in data 11 Dicembre 2010 l'Annuale Assemblea Ordinaria della nostra associazione. Presente un ragguardevole ( !?!? ) numero di Soci e Socie il consesso ha avuto inizio con i circa canonici 45 minuti di ritardo. Dopo i convenevoli saluti di circostanza delle importantissime Autorità presenti ( leggasi Consiglio Direttivo "quasi al completo" ), con il prezioso supporto di ottimi salatini espressamente materializzatisi per il conforto dei presenti, si è dato inizio ai lavori. Lavori che quest'anno non hanno visto particolari accese discussioni o interminabili "amichevoli diatribe" su specifiche questioni organizzative, ma per l'occasione ci si è perlopiù focalizzati su prese d'atto riguardanti tematiche societarie ormai consolidate.
La gentilissima Segretaria ha dato pubblica lettura del bilancio economico anno 2010, che ha visto un fondo cassa alla data dello svolgimento dell'assemblea di €. 232,24. I presenti hanno all'unanimità approvato la gestione economica in atto, in virtù della quale si è deciso di non modificare la quota annuale di tesseramento. In considerazione inoltre che nessun associato ha presentato la propria candidatura per il Consiglio Direttivo 2011 e preso atto che i membri uscenti hanno manifestato la loro disponibilità al prosieguo del mantenimento delle loro cariche sociali, si è formalizzato che pure il Consiglio Direttivo 2011 sarà ricoperto dagli attuali facenti parte.
Terminati i lavori dell'Assemblea ha avuto luogo la pirotecnica gara di Birdwatching 2010. Quest'anno, a sorpresa, tra le varie specie di volatili hanno fatto la loro incursione pure "inquietanti"immagini di soggetti inaspettati, che però non hanno tratto in inganno i partecipanti alla tenzone e tutti hanno correttamente identificato i vari esemplari di "Segretarias mirabilantibus", "Ughettibus natalensis", "Gisellas semidesnudas", "Malusardius stranamoris.. Il verdetto finale della gara ha dato infine il suo atteso responso ed è stato proclamato vincitore il nostro dinamico Alberto Artiglia, seguito nell'ordine dal Consigiere GianMario Ghione e dal socio Aldo Pietrobon. La nostra Pubblicrelationwoman "La Malusardi" e Tiziana "la VicePresidentessa" si sono rispettivamente piazzate al quarto e quinto posto, dopo aspro e acceso spareggio. Complimenti a tutti e a tutte, anche ai non premiati. Infine la tradizionale parca cena degli Auguri ha degnamente concluso la felice serata e nel cuore della notte buia, mentre gli Allocchi lanciavano i loro malinconici versi d'amore dal vicino e misterioso bosco, tutti i convenuti alla congrega hanno infine fatto felice ritorno ai loro abituali habitat di presenza.

Il Presidente

SERATA DOLCI DIAPOSITIVE
di Gianni Conca

Nel mese di maggio, durante il meeting di EBN ero stato invitato dalla efficientissima e simpatica Gabriella, come me amante dei viaggi naturalistici, a partecipare alla famosa serata " Dolci diapositive". L'invito subito accettato mi è risultato molto gradito, già avevo partecipato qualche anno addietro ad una uguale serata organizzata dalla Società del Tarabuso, con una serie di diapositive e mi ha fatto piacere ripetere questa esperienza con persone che condividono le mie stesse emozioni ed il mio stesso amore per la natura ed in particolare per gli uccelli..
Ma veniamo alla serata , le diapositive che ho proposto hanno avuto come tema due mete dei miei recenti viaggi in Turchia e in Islanda, paesi estremamente diversi. La Turchia è il paese ove oriente e occidente si incontrano in un arcobaleno di colori , dove l'ospitalità è sacra ,ricca di attrattive naturali storiche e culturali mentre l'Islanda è la terra degli estremi , dei contrasti, dei silenzi in cui vivono incanti naturali, che da sempre hanno influenzato l'immaginazione e la fantasia dell'uomo . Entrambi questi paesi hanno lasciato nella mia mente immagini ed emozioni indimenticabili, che spero sia riuscito a trasmettere almeno in parte, con le mie foto. .
Confesso che all'inizio della mia proiezione, mi sono in parte emozionato, mi reputo un discreto fotografo, ma un pessimo oratore, ma la presenza di persone amiche, che ho incontrato con vero piacere e l'ottima organizzazione, merito degli organizzatori che ci mettono anima e cuore, ha fatto si che il risultato finale della serata fosse al di la delle mie aspettative. Il caloroso applauso finale mi ha in parte rincuorato e rassicurato.
La parte finale della serata è stata sicuramente la più "dolce", mia moglie ed io siamo stati scelti come giurati per premiare il dolce migliore. La scelta è stata difficilissima, perché le torte proposte che rappresentavano uccelli di varie specie, erano davvero tutte bellissime, la fantasia e l'abilità e la maestria con cui erano state realizzate, potevano far invidia a pasticceri professionisti. Il "Bignè di Platino" è andato a una ragazza danese, Anne Harder, che ha realizzato una torta che rappresentava l'estremo sud abitato dai pinguini. Dimenticavo, i dolci erano anche buonissimi, li ho assaggiati tutti!!! Non mi resta che ringraziare ancora gli organizzatori per la splendida serata e speriamo di rivederci presto, magari sul campo per fare birdwatching .

A integrazione di quanto scritto dall'amico Gianni, che ancora ringraziamo per la sua grande disponibilità dimostrata, l'organizzazione della serata ritiene giusto e doveroso ringraziare tutte le persone che hanno partecipato alla gara "Il Bignè di Platino". Non potendoli nominare tutti diamo pubblica lettura del verdetto della gara in ordine di classifica dal primo al quinto classificato: Anne Harder ( Regno di Danimarca ); Tiziana Pollono ( Cascina Picciotta - Bollengo ), Carlotta Pesando ( Libera Repubblica di Banchette ), Alba Riva ( Cascina Momassone addirittura "superiore" - Paese sconosciuto e sperduto del Biellese ), Sofia Ghione ( Oltre Dora - Eporedia ).

ESCURSIONI BIRDWATCHING

Sabato 26 Marzo - Alla ricerca del mitico Gipeto
Parco Nazionale del Gran Paradiso

Trascorreremo una giornata nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso, ove ormai le coppie nidificanti di questo affascinante avvoltoio sono ben due.
Tutta la nostra attenzione sarà dedicata all'avvistamento e osservazione di questo maestoso volatile.
Al momento di andare in stampa l'organizzazione non può determinare il luogo esatto dell'escursione, ovvero se lungo il versante piemontese o valdostano dell'area protetta.
Le due coppie infatti sono distribuite "democraticamente" una per regione.
La meta della nostra gita sarà quindi vincolata dal susseguirsi di ripetuti avvistamenti in loco.


Domenica 10 Aprile - A zonzo tra le risaie
con tradizionale pic nic di primavera
Tronzano Vercellese e dintorni

Nel bel mezzo della copiosa migrazione primaverile esploreremo le risaie del Vercellese ove in tale periodo numerosi stuoli di Limicoli sostano per rifocillarsi prima di continuare il loro lungo e periglioso volo verso il Circolo Polare Artico o la lontana Siberia. Un premio speciale sarà riservato a chi del gruppo di attenti birder avvisterà per primo un bell'esemplare di Albastrello.
A metà giornata avrà luogo l'arcano rito del tradizionale fraterno pic nic primaverile.
Chi è intenzionato a partecipare all'evento mangereccio è vivamente pregato di contattare la Presidenza entro e non oltre le ore 20,30 del giorno 8 Aprile, onde coordinare al meglio l'allegra merenda.


Domenica 8 maggio - Andiamo in Baraggia
Benna e dintorni ( BI )

Nel pieno della calda primavera, ormai in un tripudio di onnipresenti canti di uccelli in amore, ci recheremo alla ricerca di interessanti specie avicole in un suggestivo, inusuale e ormai relitto ambiente naturale: la Baraggia. Parrà di essere nella savana del Serengheti o del Masai Mara, tra alte erbe e alberi radi. Saremo invece a pochi km. da casa nostra e invece di improbabili Impala o rapidi e furtivi Ghepardi la nostra attenzione sarà monopolizzata dalle specie tipiche di questi incolti: Gruccioni, Allodole, Averle piccole, Lodolai in caccia…e se la fortuna ci sarà amica, un avvistamento di Falco cuculo non sarà certamente da disdegnare, tutt'altro….

Domenica 12 Giugno - Colline del Pavese
Momperone e dintorni ( AL )

Torneremo sui dolci declivi di Momperone, delicate ondulazioni che già in passato ci hanno visto sbinocolare a più non posso alla ricerca di una miriade di passeriformi che allignano e si nascondono tra le ginestre in fiore e gli intrichi delle tamerici.
Veloci voli di chiassosi Gruccioni e fugaci apparizioni di rare Ghiandaie marine faranno da corollario agli altri numerosi avvistamenti della giornata, di cui sicuramente serberemo un ottimo ricordo ornitologico.

N.B.: Per partecipare alle varie uscite ornitologiche si prega di contattare la Presidenza, telefonando ai seguenti numeri:
0125 - 727 126
340 - 37 30 955
Fatte salve altre specifiche richieste, si invita a NON procrastinare tali chiamate oltre le ore 12,07 del giorno antecedente l'escursione.

ANDIAMO A MANGIARE LA ZUPPA D'AJUCCHE

La ormai tradizionale Cena della Zuppa delle Ajucche avrà luogo in data Sabato 21 Maggio, in locale e località ancora da stabilire, probabilmente presso la Locanda "da Gina" nella verde e ubertosa Val Chiusella. Prezzo indicativo ad personam: 20 €.
I titolari di indirizzo mail saranno avvisati via posta elettronica a riguardo dei particolari del lieto evento, il tutto a tempo debito. Chi invece non è dotato di idoneo computer per la ricezione di tali "moderni" messaggi elettronici è pregato di chiedere delucidazioni telefoniche alla Presidenza all'appropinquarsi della data stabilita, tenendo però bene a mente che le prenotazioni per la cena si chiuderanno "senza pietà" alle ore 20,32 del giorno mercoledì 18 Maggio.

WILDLIFE PHOTOGRAFER 2010

Anche quest'anno fa tappa al Forte di Bard in Valle d'Aosta la mostra fotografica del concorso internazionale di fotografia naturalistica "Veolia Environnement - Wildlife Photographer of the Year". Si tratta della presentazione al pubblico delle immagini a soggetto naturalistico che hanno vinto le varie sezioni tematiche del premio anno 2010, oltre alle fotografie che hanno ottenuto solenni encomi o che si sono classificate nella parte "alta" delle classifiche. Una carrellata stupefacente di incredibili e bellissime immagini, diverse delle quali realizzate in condizioni apparentemente inverosimili!.
Tra quelle ornitologiche, al limite dell'impossibile, si segnalano: quella ritraente un Gufo della Virginia fotografato in volo con un Corvo che mentre lo mobba cerca di posarsi sulla sua schiena;
e quella di un Astore in volo che cerca di artigliare un Gabbiano.
Sensazionale quella di due Ghepardi che sono ormai a un passo dal catturare un'antilope.
Il fotografo è riuscito, con un tempo rapidissimo di scatto a fermare perfettamente nitida una scena di caccia che si svolge alla velocità di più di 100 Km orari!
Al Forte di Bard sino al 1° di Maggio; da martedì a venerdì dalle 11 alle 18.
Sabato e festivi dalle 10 alle 19. Ingresso: 4 euro, ridotto 3 euro. Info: www.fortedibard.it


Si mormora che a Candia ci sia un BASETTINO...
di Carlotta Pesando


La " compagnia del gabbiano " è al lavoro al lago di Viverone .
Come sempre ognuno ha il suo compito e lo svolge con grande attenzione, il grande capo Giovanni Rege da Vische detto " l'inanellatore " sovrintende e controlla bonariamente quelli che con sua grande bontà chiama " i collaboratori ".
Sofia e Carlotta si slogano la spalla buttando pezzetti di pane ovunque (compreso sulle loro teste) nel tentativo di richiamare i gabbiani.
Gian Mario studia con il capo i gabbiani in acqua per identificare le specie, le sottospecie ed individuare quelli già inanellati.
Gabriella con la sua potente attrezzatura fotografica è pronta ad immortalare ogni tipo di penna svolazzante in zona.
Luciano si divide tra bloccare persone e cani che involontariamente si avvicinano troppo alla " zona minata " , ed intrattenere i curiosi che si fermano intorno a quel manipolo di persone sospette, svolgendo anche un arduo compito scientifico - divulgativo ed educativo. Nei momenti liberi (pochi) si esercita nello scatto con la sua nuovissima macchina fotografica.

La giornata è ancora freddina e come si sa il corpo umano per mantenere la temperatura brucia calorie … la fame inizia a farsi sentire e il gruppo si riunisce per mangiare il solito panino seguito da un corroborante Passito di Caluso con biscottini forniti da Patrizia ( la vivandiera che non appare mai ! ).

Bisogna dire che si tratta di una " allegra combriccola " e tra una parola e l'altra a volte fanno anche discorsi seri; quel giorno si mormora dell' avvistamento fatto da Dinoia ( detto l'uomo in tuta ) di un basettino nella palude del lago di Candia.
Giovanni Rege da Vische avuta la notizia via internet ha già fatto un giro nei giorni precedenti, lo ha sentito ma non visto.

Così i nostri amici iniziano la ricerca del BASETTINO di CANDIA.

Qualche giorno dopo, il 26 gennaio per la precisione, i due pensionati, Luciano e Carlotta, approfittando di un pallidissimo sole decidono di andare alla caccia fotografica del suddetto pennuto.
Ben due imprevisti ritardano il loro arrivo a Candia (ma come si sa non tutti i mali vengon per nuocere...)
Calzati gli stivali si incamminano lungo la palude facendo attenzione a non scivolare sul ghiaccio e lamentandosi del tempo perduto non immaginando che invece erano in perfetto orario per l'incontro con il basettino!!!
Percorsi sì e no 100 mt. ecco davanti a loro su un ramo di salice il sig. BASETTINO di Candia che per farsi notare ed evitare che i " due" gli passino davanti senza vederlo, canta a squarciagola.
Un tuffo al cuore, un attimo di smarrimento li coglie, poi Luciano imbraccia la Nikon D 90 e lo immortala.
Il basettino si sposta sulle canne, li guarda ancora una volta e poi sparisce. Nel vano tentativo di rivederlo Luciano e Carlotta si riempiono gli occhi di cinciarelle che svolazzano ovunque, scorgono un pendolino e su una pianta in mezzo alla palude una palla bianca... l'averla maggiore. Il picchio nero si fa sentire con decisi colpi di becco su un tronco poco lontano.
Tornati a casa, dopo un caffè caldo, Luciano manda ai membri della " compagnia del gabbiano " ed agli amici del Tarabuso le foto che immortalano il basettino.
Riceve complimenti da tutti e con sua grande soddisfazione una foto viene inserita nella " top ten 2011 " di Aves Piemonte.

Pochi giorni dopo, il 29 gennaio, troviamo di nuovo la combriccola riunita a Viverone alle prese con trappole, un po' giù di morale per la scarsa collaborazione dei gabbiani ( per la cronaca ne hanno già catturati ed inanellati più di 20 esemplari,risultato al di sopra di ogni aspettativa ) , e decidono di ritrovarsi il giorno dopo alle ore 14 alla palude di Candia per tentare un avvistamento di gruppo del basettino.
Sarà che tutti insieme sono troppo rumorosi, sarà che fa freddo e a stare fermi si ghiacciano i piedi negli stivali, o forse il pennuto si è offeso perchè Gabriella non ha portato la macchina fotografica (...causa disaccordo con Sofia.... succede anche nelle migliori famiglie! ), fatto sta che lui non si fa vedere.
Comunque Giovanni Rege da Vische fa da guida e tutti insieme fanno una bella camminata su e giù per la palude, giocando con le lastre di ghiaccio e sghignazzando (...come il gabbiano...). Sono e restano una " allegra combriccola ".

Ma chi li conosce sa che non sono tipi da mollare facilmente l'obiettivo e cosi suona il tam - tam e un pomeriggio si ritrovano i tre uomini, Giovanni - Gian Mario - Luciano … ma niente di fatto; in settimana scappano in palude Gabriella e Luciano, non vedono il basettino ma fotografano il picchio rosso minore.
Il sabato tornano Gabriella e Gian Mario, lo sentono cantare sempre lì nella stessa zona ma non esce dal canneto e non lo vedono.

Passa una settimana, il 21 febbraio i due " perdigiorno" Luciano e Carlotta tornano a Candia e lì sul sentiero c'è il basettino che li aspetta, si fa vedere e poi con un frullo d'ali se ne torna nel canneto. Questa volta non dà il tempo per uno scatto fotografico ma si è mostrato molto bene allo scoperto.
Luciano prova a mandare il richiamo, lui risponde al canto, si affaccia sul bordo del canneto e scompare. Lo sentono ancora cantare due volte e poi … più nulla.

Come già detto sono tutte persone " testone" e così domenica 27 febbraio la combriccola è di nuovo al completo al parcheggio della palude di Candia.
Questa volta non c'è più il ghiaccio ma molto pantano e i salici hanno le prime gemme dischiuse.
Li accoglie e dà il benvenuto un tarabuso (canta ma non si fa vedere ), due aironi bianchi maggiori passano in volo sopra di loro e li vedono camminare sul sentiero in fila indiana con passo felpato e in assoluto silenzio... cosa veramente molto difficile per loro ….
Arrivano al punto x ( basettino), si fermano, si dispongono in cerchio e con tanto di binocoli passano al setaccio qualsiasi foglia o canna che si muova, mandano il richiamo, aspettano quasi in apnea... Sofia inizia a preoccuparsi, non li ha mai visti così ma.... eccoli tornare normali! Si rompe il silenzio, si rompono le righe e torna l'allegra combriccola...
...La ricerca del basettino continua.....


P.S. Chi volesse maggiori ragguagli o sapere il seguito, può contattare uno qualsiasi della combriccola. Sappiate che Sofia è la più realista ed obiettiva !.


CENSIMENTO IWRB A VIVERONE

S
i è svolto in data 23 gennaio 2010 l'annuale censimento degli uccelli acquatici svernanti al lago di Viverone. Il conteggio è stato svolto da alcuni soci del Gruppo Piemontese Studi Ornitologici, ottimamente coadiuvati nella "delicata impresa" da alcuni membri della nostra associazione.
Ecco i risultati della conta:
Strolaga mezzana 1; Svasso maggiore 247; Svasso cornuto 1; Svasso piccolo 2;
Tuffetto 6; Airone cenerino 11; Airone bianco maggiore 3; Tarabuso 3; Cormorano 98;
Germano reale 1.480; Canapiglia 242; Mestolone 4; Fischione 6; Codone 2;
Moretta 1; Folaga 1.344; Gallinella d'acqua 5; Gabbiano comune 608; Gavina 10;
Gabbiano reale mediterraneo 9; Zafferano 1.
Inoltre: 4 Cigni reali di origine domestica; 1 Martin pescatore; 1 Sparviere; 1 Airone guardabuoi nei prati vicino alle rive del lago.
Al vicino lago di Bertignano sono stati segnalati: Germano reale 13; Cormorano 1.

PRIMI VAGITI

Proprio al momento di andare in stampa, a rotative ormai a pieno regime ma tempestivamente fermate, apprendiamo con incommensurabile gioia e sommo gaudio che in data 4 marzo c. a. è nata la piccola Sofia Marcone, terzogenita del nostro carissimo amico Alberto Marcone e della gentile signora Clara Ricci. Il lieto evento è avvenuto alle ore 19,20 presso l'Ospedale di Tolmezzo.
La pargola al momento del parto pesava Kg. 3,300.
Il papà ha così telegrafato alla nostra Redazione:
"Le donne della famiglia stanno bene, sono di ottimo umore e si guardano con gli occhi a cuore.
Il papà ha avuto il privilegio di vestire la piccola dopo il primo bagnetto, e tutto sommato se l'è cavata abbastanza bene.
I fratelli (Jacopo e Nicolo ) hanno già avuto modo di prendere in braccio la nuova sorella e coccolarla un po'."
Tutta la Società del Tarabuso augura a Sofia e a tutta la sua famiglia tanta felicità e un sereno e felice futuro!!!

FIORI D'ARANCIO

La Redazione de la Ga( r )zetta del Tarabuso informa che, con somma tristezza e infinita costernazione, neppure in questo inizio 2011 ha ricevuto alcuna partecipazione ad eventuali eventi matrimoniali da parte di Soci o Socie in "avanzata" età di matrimonio.
La Redazione si scusa con i propri lettori per tale triste situazione, ormai alquanto "incancrenita" da tempo, venutasi tutt'oggi a creare, e coglie l'occasione per ribadire la sua NON responsabilità in merito alla mancanza di notizie attinenti al tema della rubrica.

Stampa: Tipografia Whu Khujing Tze Hu Ling Ciong ( Shangai - Rep. Pop. di Cina )
Il prossimo numero de "La Ga®zetta del Tarabuso" sarà in edicola il giorno 06 settembre 2011.
































Torna ai contenuti | Torna al menu